Fascia e emozioni - rolfingfede

Federico Zeni
Massoterapia
Rolfing
Osteopatia
ARMONIZZARE IL CORPO IN GRAVITA'
Vai ai contenuti

Menu principale:

Fascia e emozioni

Documenti

Da Anatomy Trains:
La fascia definisce il contorno del corpo ed è l’organo della struttura e del movimento. La fascia è anche il “tessuto delle emozioni”.
È la struttura che permette una connessione diretta tra le reazioni emozionali e la parte fisica. L’immagine del dolore e l’incapacità di origine fisico, si confondono con quelle di origine emozionale, perché le reazioni del corpo di fronte a un trauma di origine fisica o emozionale sono molto simili: si producono limitazioni e incapacità funzionali, generalmente accompagnate dal dolore. L'atteggiamento corporeo assunto in momenti di ansia, paura, tristezza, modifica la postura: spalle alzate e contratte, ginocchia flesse, torace in inspiro, braccia estese, collo contratto.
Queste reazioni fissate nel corpo lo obbligano ad adoperare schemi di movimento lontani da quelli normali naturali, creando compensazioni, restrizioni e limiti funzionali nel sistema fasciale. Il rilascio fasciale facilita la liberazione degli esiti dei traumi fisici come anche di quelli emozionali permettendo in questo modo una cura reale, non solamente attraverso la sparizione del dolore, ma anche attraverso il ritorno a una mobilità libera da restrizioni.


Da Antonino Furfaro:"il tocco col cuore, un rivoluzionario metodo somatopsichico di comunicazione globale"

Ho avuto modo di conoscere l'autore del metodo in un seminario e sono rimasto ben impressionato.Anche se questo metodo prevede un tocco di pochi grammi e con il soggetto vestito, rappresenta sempre una forma di tocco sul corpo che in qualche modo ricorda le tecniche fasciali superficiali.

La mente interpreta, incide, cristallizza e fissa per sempre nel corpo solo le esperienze inespresse o quelle negative che hai vissuto. Esse diventano memorie energetiche che continuano ad agire e a produrre effetti deleteri a livello fisico e mentale.
Nella nostra epoca molte persone sono sottoposte a sovraccarico emozionale di vario genere: ritmi di lavoro troppo impegnativi, tensioni sociali, preoccupazione per il sostentamento della famiglia, condizioni di vita disagevoli, difficili rapporti con il prossimo.
Compito del sistema nervoso è agire, ma sempre più spesso ci troviamo nel non agire per paura delle conseguenze o perché inseriti in un sistema codificato e gerarchico.
Il Tocco col Cuore è un metodo innovativo e raffinato. Si basa sul fatto che, mentre noi memorizziamo ciò che ci succede, il nostro corpo ricorda, collocando in aree ben precise, tutti gli
eventi vissuti.
Il nostro corpo va considerato come un libro che riassume gli eventi della vita, può infatti essere suddiviso in aree dove sono stati registrati i momenti, anche traumatici che abbiamo vissuto.
Se, mentre sperimentiamo un momento drammatico, ci tocchiamo o veniamo toccati in una certa zona, essa viene correlata al ricordo che viene posto nella memoria inconscia; ricordo che contiene tutto ciò che riguarda il soggetto e l'ambiente circostante (energie, emozioni, suoni, colori, odori, movimenti, persone, decisioni, ecc.). Questi ricordi sono strutturati "a buccia di cipolla", per cui il secondo incidente in una certa area si troverà al di sopra della registrazione del primo incidente, e così via.

La riattivazione
I vari ricordi sono sempre presenti, anche quelli che non ricordiamo, e possono influenzare la nostra vita, le nostre scelte ed i nostri pensieri. Perché? Perché quando alcune cellule del nostro cervello hanno vibrato ad una certa frequenza, sarà per esse molto facile ritornare a vibrare in quel modo se stimolate da una frequenza-evento simile. Accade perciò che una persona che a quattro anni è stata picchiata in una camera gialla, arrivato a cinquant'anni, se dovesse entrare in una camera gialla, si sentirà a disagio e cercherà in tutti i modi di trovare una scusa per poterne uscire. Questo fenomeno prende il nome di riattivazione.
L'evento che viene riattivato può risalire al periodo prenatale, all'infanzia, oppure appartenere all'età adulta. La reazione si verifica quando accade qualcosa di simile a ciò che è accaduto nell'evento originale. Le reazioni scaturite da una riattivazione possono essere di diverso tipo, ovvero:

  • fisiche,

  • emotive,

  • legate al pensiero e alla riflessione,

  • legate alle decisioni

  • comportamentali.

Anche se non ne siamo consapevoli, buona parte delle nostre scelte, pensieri ed azioni, trova la sua origine proprio nei ricordi che non sono accessibili dalla nostra coscienza di veglia e che le varie vicissitudini della vita sono in grado di riattivare.
Oggi sappiamo che vi possono essere delle riattivazioni di cose, vissute nel passato, che bloccano la capacità di agire liberamente, condizionano le scelte e rubano energia vitale.
Con il Tocco col cuore si lavora per svuotare questi ricordi che possiamo paragonare a dei "palloncini" pieni di energie bloccate dal momento del trauma, questo porta alla eliminazione delle emozioni e delle sofferenze vissute nel passato. Vengono quindi riempiti con l’amore trasmesso dall’operatore liberando anche la zona del corpo che ad essi era correlata.



Federico Zeni - via Vallusella 6 - 38038 Tesero TN - tel.331 185 4003 - zenifede@gmail.com
Il Rolfing e l'osteopatia sono tecniche del benessere che non sostituiscono le terapie mediche e sono successive alla diagnosi medica.
Torna ai contenuti | Torna al menu